Categorie
cronaca

Coronavirus, l’allarme di Crisanti: “Le Regioni potrebbero aggiustare i dati per restare aperte”

Il microbiologo di Padova: “Gli indicatori scelti dal governo per decidere i lockdown? Fotografano situazioni già vecchie. Milano andava chiusa 15 giorni fa: La vera sfida è un piano nazionale per evitare la terza ondata” …

ROMA – “Se tenere aperta o chiudere una Regione diventa un fatto politico, se un presidente di Regione pensa che il successo politico si dimostra non chiudendo, è chiaro che ci sono mille modi per aggiustare i dati e stare sotto la soglia”. Lo ha detto ad Agorà su Rai Tre Andrea Crisanti, ordinario di Microbiologia dell’Università di Padova, commentando il Dpcm che il governo si appresta a varare. “Non ci vuole molto a fare questi piccoli aggiustamenti – ha sottolineato Crisanti – ad esempio “basta non ricoverare o rimandare a casa persone che sono border line”.

Milano andava chiusa 15 giorni fa

Sul “caso Milano” Crisanti, che tra i primi ha lanciato l’allarme sulla reale attendibilità dei test rapidi adottati dal Veneto e da altre Regioni, si è detto d’accordo con l’ordine dei medici, che chiede un lockdown per la città, anzi pensa che la chiusura arrivi troppo tardi: “Quando ci sono 9mila casi al giorno il sistema sanitario non è più in grado di fronteggiare la situazione. Si doveva pensare di chiudere in maniera mirata determinate zone 15 giorni fa, e non saremmo a questo punto”. Mentre per analoghe ragioni non è soddisfatto dagli indicatori presi in cosiderazione per il Dpcm in fase di definizione, come i posti occupati in terapia intensiva: “Sono indicatori tardivi. Si va in terapia intensiva 10-15 giorni dopo che ci si è infettati, quindi questi indicatori leggono una situazione di 15 giorni prima”.

Un piano nazionale o a febbraio si ricomincia da capo

“Per me va bene qualsiasi misura di restrizione, perché prima o poi farà effetto” afferma. “Il problema è che non si può andare avanti con misure di restrizione per mesi e mesi. E nessun reset fa effetto se non abbiamo un piano per impedire che i casi risalgono e per consolidare i risultati di qualsiasi misura”.  Per il microbiologo, la vera sfida in questo momento è “evitare la terza ondata”. Perciò l’agenda politica “dovrebbe essere quella di preparare un piano nazionale per consolidare i risultati di queste nuove misure”.

Questo perché, argomenta Crisanti, “se noi adesso adottiamo un lockdown estremamente rigido, in sei settimane, probabilmente a ridosso di Natale, i casi diminuiranno, ma poi ci saranno mille pressioni per rimuovere le misure. Tutti vorranno andare in vacanza, a cena fuori, a trovare amici e parenti, e a febbraio ci ritroveremo nella stessa situazione”.

 

Crediti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *