Categorie
cronaca

Coronavirus Lazio, bollettino del 2 novembre. Sotto quota mille i contagiati a Roma per il secondo giorno consecutivo

Ma con meno tamponi effettuati. 23 i decessi, nel Lazio 1.859 nuovi casi. Impennata di casi a Viterbo, che rischia una stretta. La Regione: “Presto per capire se la curva sta scendendo” …

Il virus sembra frenare la sua corsa a Roma: oggi sono 963 i nuovi positivi a Roma (-4), e 1.859 i nuovi contagiati nel Lazio (- 492 rispetto a ieri), di cui su quasi 20mila tamponi effettuati (-3.368 rispetto a domenica). E sono 23 i decessi nelle ultime 24 ore. Sale anche il numero delle persone guarite: sono 159 (+27 rispetto a domenica). Scende il rapporto tra i casi positivi e i tamponi effettuati: è al 9% (ieri era al 10%). “Dopo una settimana scendiamo sotto i 2 mila casi a livello regionale – dice l’assessore alla sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato – e per il secondo giorno consecutivo sotto i mille a Roma. E’ ancora presto per capire la stabilità della curva.”  In una intervista a Sky Tg24, l’assessore ha poi confermato: “E’ vero, ci stiamo preparando alla battaglia di Roma. La curva e’ ancora in ascesa, in alcune regioni l’indice Rt e’ ancora superiore a 1,5 e il quadro e’ molto complicato: resta prioritario raffreddare la curva. Roma e il Lazio vanno leggermente meglio ma non possiamo cullarci sugli allori, non c’e’ stata alcuna inversione di tendenza”

Impennata di casi a Viterbo, il sindaco pensa a una stretta.

La situazione nelle singole Asl

Nel dettaglio per aziende sanitarie locali, nella Asl Roma 1 sono 426 i casi nelle ultime 24h (+789 rispetto al giorno precedente) si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registrano due decessi di 61 e 82 anni con patologie.
 
Aumentano i casi anche nella Asl Roma 2: sono 472 i casi nelle ultime 24h (+38 rispetto a domenica) e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Centonovantasei i casi individuati su segnalazione del medico di medicina generale. Si registrano cinque decessi di 66, 74, 82, 91 e 92 anni con patologie.

 
Diminuiscono i positivi nella Asl Roma 3, dove si registrano 65 nuovi casi nelle ultime 24h a fronte dei 170 di ieri (-105 nelle ultime 24 ore) e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Dodici sono ricoveri. Si registrano due decessi di 74 e 92 anni con patologie.
 
Un calo di 20 unità si registra nella Asl Roma 4 . Qui i contagiati sono 54 nelle ultime 24h e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Cinque sono casi individuati su segnalazione del medico di medicina generale. Un caso con link a RSA Gonzaga di Ladispoli dove è in corso l’indagine epidemiologica. Si registra un decesso di 74 anni con patologie.

 
Nuova impennata di casi nella Asl Roma 5: sono 161 i positivi nelle ultime 24h (+19 rispetto al giorno precedente) e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. In corso l’indagine epidemiologica presso la RSA Regina Pacis di Colleferro. Si registrano due decessi di 72 e 83 anni con patologie.
 
Migliora la situazione nella Asl Roma 6, dove si registrano 147 casi nelle ultime 24h a fronte dei 319 di domenica (- 172 nelle ultime 24 ore) e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Un caso individuato in fase di pre-ospedalizzazione e dodici i casi con link al cluster istituto suore del buon pastore di Albano dove è in corso l’indagine epidemiologica. Si registra un decesso di 75 anni con patologie.

La situazione nelle province, Viterbo rischia nuove misure restrittive

Diminuiscono i casi nelle province: sono 534 i positivi contro gli 811 di ieri (-277 nelle ultime 24 ore). Aumenta, invece, di 6 unità il numero delle persone decedute: sono quindi dieci i decessi nelle ultime 24h.
 
In lieve calo i contagiati nella Asl di Latina: sono 161 i nuovi casi ( – 7 rispetto al giorno precedente) e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registrano due decessi di 73 e 85 anni con patologie.
 
Migliora la situazione nella Asl di Frosinone, dove si registrano 87 nuovi casi ( – 312 rispetto a ieri) e si tratta di casi isolati a domicilio, contatti di un caso già noto o con link familiare. Si registra un decesso di 72 anni con patologie.
 
Impennata di casi a Viterbo: sono 233 i contagiati nella Asl di Viterbo, anche se con un calo  di 33 unità nelle ultime 24 ore. Il comune sta valutando restrizioni e tra queste la didattica a distanza anche alle scuole dell’obbligo. I contagi infatti si contano anche fra studenti e con i dati odierni – sottolinea il sindaco – oltrepassiamo complessivamente i 900 casi positivi a Viterbo”.

 Aumentano i positivi nella Asl di Rieti. Qui sono 53 i nuovi casi a fronte dei 18 di domenica (+35 nelle ultime 24 ore) e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registrano tre decessi di 64, 67 e 80 anni con patologie”
 

Nel Lazio 37.783 i casi positivi

Superano quota 37mila i casi positivi nel Lazio nelle ultime 24 ore : sono, infatti, 37.783 i casi contro i 36.106 di ieri. L’incremento è, quindi, di 1.677 nelle ultime 24 ore. Diminuiscono i ricoverati: sono 2.032 contro i 2.055 di ieri (- 23 rispetto a sabato). Aumentano di 3 unità i pazienti ricoverati in terapia intensiva: sono 185 nelle ultime 24 ore . Mentre, sempre rispetto al primo novembre , sono 1.254 le persone decedute contro i 1.231 di ieri (+ 23 decessi nelle ultime 24 ore). Superano quota 11mila i guariti: sono 11.595 contro  gli 11.436 del giorno precedente. L’incremento è quindi di 159 unità. Il totale dei casi esaminati raggiungono, invece, quota 50mila: sono 50.632 (+ 1.589 rispetto a ieri).

La situazione nei drive in Tutti i drive di Roma sono accessibili solo su prenotazione online. Un servizio questo che presto verrà esteso anche ai drive-in della Asl Roma 5, Asl di Frosinone e Asl di Rieti. Per quanto riguarda ques’ultima unità mobile sanitaria, sono 5 i drive in presenti nel capoluogo e nel territorio di Rieti: il primo presso la direzione aziendale (polo didattico), in via di Terminillo 42; il secondo a Magliano Sabina, Casa della salute, vocabolo filoni, tutti i lunedì dalle 9 alle 13; il terzo a Passo Corese in via Mestri del Lavoro e in via Salaria Vecchia, tutti i martedì dalle 9 alle 13; il quarto a Osteria Nuova, in via Salaria km 53,00, tutti i mercoledì dalle 9 alle 13; il quinto a Poggio Mirteto, località Capacqua, tutti i venerdì dalle 9 alle 13 . Il drive in pediatrico del Sant’Andrea prolunga l’orario: dal lunedì al sabato, dalle 10 alle 12 e dalle 14 alle 18; domenica dalle 9 alle 13. Oltre ai Centri per i tamponi pediatrici, i bambini possono accedere a qualunque altro drive in. Il nuovo drive in presso Fiumicino Lunga sosta è aperto dal lunedì alla domenica, dalle 8 alle 20, accesso libero. Maggiori info sul sito www.salutelazio.it. Per effettuare la prenotazione bisogna, invece, collegarsi su https://prenota-drive.regione.lazio.it/main/home. È necessario essere in possesso della ricetta dematerializzata e della tessera sanitaria.

Militari in aiuto per fare i tamponi

Sono operative le squadre del COI – Comando Operativo Interforze della Difesa, che rafforzano il personale delle Asl della Regione Lazio nella gestione dei drive-in per i tamponi.

Al lavoro i sanitari delle USCAR-R per l’assistenza a domicilio

È partita da tre giorni l’attività sui quattro quadranti della città delle unità mobili Usca-R collegate alla centrale operativa del 118 di Roma per la gestione a domicilio dei codici verdi. Si tratta della prima sperimentazione in Italia di un servizio domiciliare collegato alla rete dell’emergenza.

 Attività di sorveglianza nelle scuole 

Per quanto riguarda le scuole, sono stati registrati, al 30 ottobre, 3.700 casi positivi, di cui 3.007 studenti, 693 del personale scolastico. Mentre, sono 138 le scuole con focolaio e 11 le scuole chiuse dalle Asl temporaneamente per le operazioni di sanificazione. 
 

Vaccino antinfluenzale

Sono state già somministrate 666mila dosi, di cui 616 mila da parte dei medici di medicina generale, 25mila da parte dei pediatri di libera scelta e 25mila dai centrivaccinali delle Asl della Regione Lazio. “Oltre 1 milione di dosi saranno consegnate il 9 novembre”, ricorda la Regione. Molte farmacie denunciano di non avere a disposizione dosi di vaccino così come numerosi medici di base. Problemi di approvvigionamento, ad esempio, si sono verificativi nella Asl Roma2. La campagna di vaccinazione, comunque, durerà fino a gennaio. Per le fasce dai 60 anni compiuti in su e dai 6 mesi e i 6 anni, la Regione invita i cittadini a prenotare il vaccino dal proprio medico di medicina generale o pediatra di libera scelta.
 
  Crediti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *