Categorie
cronaca

Coronavirus, l’infermiera: “Io, la prima ad essere vaccinata: spero ci faccia uscire dal buio”

Simona Bausi, 50 anni lavora al centro Covid di Careggi a Firenze …

Oggi alle 8.20 è stata la prima ad essere vaccinata a Careggi e quindi in Toscana. Simona Bausi, 50 anni, è un’infermiera impegnata in uno dei reparti Covid dell’ospedale fiorentino. “Tanto orgoglio e tanta speranza che ci si faccia a uscire da questo periodo buio – ha detto dopo essersi sottoposta alla somministrazione della dose -. Vaccinarsi mi sembra la cosa da fare in questo momento. C’è un po’ di ansia, ma soprattutto speranza per questo vaccino. Spero di fare un ‘vagonè di anticorpì”.

“Siamo tutti felici di essere qua oggi e di essere i primi a vaccinarsi – ha aggiunto -. Soprattutto per i sanitarsi vaccinarsi dovrebbe essere praticamente obbligatorio. Rischiare di essere dei vettori di infezione per noi che lavoriamo con le persone malate è pesante e poi vogliamo essere da sprone per tutti gli altri. La fiducia nella scienza c’è ed è tanta, e sono certa che andrà bene”.

Ieri aveva raccontato a Repubblica sul perché aveva deciso di vaccinarsi: “Ho una grande speranza, mi auguro che possa essere la soluzione a questo problema. Spero di ottenere un’immunità che mi permetta di riacquistare una vita normale. Sia personale che lavorativa”.

Simona lavora al “Covid center di Careggi, nelle vecchie cliniche chirurgiche. Sono lì da novembre. In reparto abbiamo 31 ricoverati e altri 24 sono al piano di sotto. Mi ero già occupata di Covid a marzo, nel mio reparto, cioè la medicina interna del dottor Morettini. Sono a Careggi dal 2001 e sono sempre stato in unità operative internistiche”.

Crediti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *