Categorie
Coronavirus (COVID-19) Disinformazione FACT-CHECKING Fake news Germania Vaccini

Coronavirus, questa è la foto della famiglia turca dello «scopritore» del vaccino Pfizer? Non risulta!

La foto di una famiglia immigrata in Turchia, che viene attribuita allo scienziato turco che lavora per il vaccino Pfizer, ha ricevuto molti like e condivisioni. Ma non c’entra nulla con gli scienziati in questione
L’articolo Coronavirus, questa è la foto della famiglia turca dello «scopritore» del vaccino Pfizer? Non risulta! proviene da Open. …

Il 22 novembre 2020 diversi personaggi hanno condiviso la foto di una famiglia turca immigrata in Germania sostenendo che sia quella del «fondatore della BioNTech» e «scopritore del vaccino anti covid19 della Pfizer», Ugur Sahin. Tra coloro che l’hanno condivisa nella propria pagina ufficiale troviamo Lorenzo Tosa, Filippo Rossi, Valerio Capraro e la pagina Facebook Il razzismo non ci piace, ma non risulta affatto che la foto sia riconducibile a Sahin.

La foto condivisa dalla pagina Facebook Il razzismo non ci piace.

Oltre 6.200 condivisioni per il post di Tosa, che si aggiungono agli oltre 5.000 della pagina Il razzismo non ci piace, agli 2.000 di Rossi e ai 600 di Capraro, mentre la fonte primaria a cui avrebbero attinto appena 70 condivisioni. Fonte che, alla fine, ha modificato il post originale di fronte all’evidente errore.

Per chi ha fretta

  • L’autrice del post originale, da cui hanno fatto copia incolla in altre pagine, ha modificato il tutto togliendo il riferimento diretto a Ugur Sahin.
  • La foto è stata scattata nel 1979 da un’artista tedesca, ma all’epoca Ugur doveva avere tra i 13 e i 14 anni.
  • Il bambino nella foto non è un ragazzo di 12/14 anni e non risulta che Sahin abbia avuto problemi di crescita.
  • Non risulta che Sahin abbia fratelli o sorelle, ma che si sarebbe trasferito in Germania con la sola madre raggiungendo il padre.

Analisi

La fonte attribuita da chi ha condiviso la foto è un post Facebook dell’utente Mary del 22 novembre 2020 alle ore 9:41 dove inizialmente riportata il seguente testo:

Questa è una famiglia di origine turca, emigrata in Germania.

Il bimbo a destra è colui che oggi ha scoperto il vaccino anticovid della Pfizer. Il suo nome è Ugur Sahin, fondatore della Biontech.

Lo segnalo perchè al giorno d’oggi, c’è ancora chi un bambino così lo lascierebbe affogare, o che rifiuterebbe di accoglierlo, continuando a partecipare, incurante del grido d’aiuto altrui, alle sagre della castagna o della polenta.

#NoiSiamoAltraCosa #solidarità #solounarazza

In un passaggio successivo, alle ore 18 del 22 novembre, il post viene così modificato:

Questa è una famiglia di origine turca, emigrata in Germania.

In una famiglia simile a questa è nato colui che oggi ha scoperto il vaccino anticovid della Pfizer. Il suo nome è Ugur Sahin, fondatore della Biontech.

Lo segnalo perchè al giorno d’oggi, c’è ancora chi un bambino così lo lascerebbe affogare, o chi rifiuterebbe di accoglierlo, continuando a partecipare, incurante del grido d’aiuto altrui, alle sagre della castagna o della polenta.

#NoiSiamoAltraCosa #solidarità #solounarazza

Troviamo la stessa foto pubblicata nel sito del Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofia. Si tratta di uno scatto facente parte di un progetto dal titolo «Turken in Deutschland» dell’artista tedesca Candida Hofer iniziato nel 1972 e pubblicato nel 1979.

Secondo il racconto del post Facebook originale, il bambino sulla destra sarebbe Ugur Sahin. Considerando che risulta nato nel 1965 e consideriamo che la foto viene attribuita al 1979, pare strano che quel bambino ritratto abbia 13 o 14 anni.

Ugur Sahin è nato nel 1965. Nel 1979 doveva avere dai 13 ai 14 anni.

Lo scatto non riporta un titolo e una descrizione che permetta di ricondurre luogo e data precisa della sua realizzazione, mentre c’è un ulteriore elemento che fornisce un distanziamento tra foto e ricercatore: dai racconti riguardo Ugur Sahin, si sarebbe in Germania all’età di 4 anni insieme alla madre e non risulta che abbia fratelli o sorelle.

Il post di Filippo Rossi.

Conclusioni

Data la mancata attribuzione temporale e geografica, nonché la mancanza dell’identità dei soggetti ritratti, la foto non è riconducibile a Ugur Sahin.

La data dello scatto fotografico, attribuita al 1979, contraddice l’età del bambini ritratto perché Ugur Sahin in quel periodo doveva avere tra i 13 e i 14 anni.

Non risultando altro familiare oltre alla madre e al padre, attribuire lo scatto fotografico a Ugur Sahin risulta inesatto.

Leggi anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *