Categorie
News

Coronavirus, idee per il dopo: ospiti Edmondson, Floridi e Kuper

Torna l’appuntamento di Sky Tg24 “Idee per il dopo“, approfondimento dedicato alla comprensione del cambiamento nell’era post-Covid. Il prossimo appuntamento andrà in onda martedì 2 giugno alle ore 20:30, e sarà disponibile su SkyTg24.it (GUARDA LA 5a PUNTATA DI IDEE PER IL DOPO: 1a PARTE E 2a PARTE) e On Demand (QUI TUTTI I VIDEO DELLE PUNTATE PRECEDENTI). Il programma torna con qualche novità. Il nuovo format prevede un singolo tema per ogni appuntamento, analizzato in profondità.

Idee per la nuova digital life

Il tema della prossima puntata sarà la vita digitale. La necessità di distanziamento sociale ha spostato il baricentro dell’equilibrio tra vita analogica e vita digitale. Le interazioni umane virtuali o mediate dalla tecnologia sono aumentate e sembra un trend destinato a consolidarsi. Quali saranno gli effetti su libertà, sicurezza, lavoro, privacy e legami delle persone? Ne discuteranno in studio con Giuseppe De Bellis Amy C. Edmondson, docente della Harvard Business School; Simon Kuper, editorialista del Financial Times e Luciano Floridi, docente di Etica dell’Informazione dell’Università di Oxford.

Cos’è “Idee per il dopo”

Curato e realizzato dal direttore di Sky Tg24 Giuseppe De Bellis, “Idee per il dopo” è una tavola rotonda virtuale per riflettere e immaginare insieme che cosa accadrà al mondo dopo il Coronavirus. Sono chiamati a discutere di temi sempre diversi e di stretta attualità pensatori, filosofi, scienziati, sociologi, antropologi, architetti, economisti, imprenditori, collegati insieme da tutto il mondo in uno studio dalla scenografia spettacolare e immersiva. Le precedenti puntate hanno incentrato l’attenzione sulle conseguenze economiche e sociali che la pandemia ha prodotto sui singoli individui. Ora il programma mira ad andare in profondità su singoli argomenti. Tra i temi trattati ci saranno il rapporto tra vita digitale e reale, l’impatto sulle città e l’urbanistica, la geopolitica e le leadership mondiali, il futuro del lavoro.

Crediti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *