Categorie
News

Coronavirus, notizie dalla zona rossa. VIDEO


A Vo’ proseguono i tamponi

Dopo una prima giornata di caos  oggi le convocazioni per i tamponi -che vengono fatti a tutta la cittadinanza per verificare la presenza del virus- sono state scaglionate in base alla via di residenza. Una macchina della protezione civile girava con un megafono per informare la cittadinanza su chi fosse convocato alle scuole elementari per eseguire il test.

Una pagina Facebook per l’emergenza

Nel lodigiano hanno creato questa pagina Facebook nella speranza di convogliare informazioni e notizie certe in un solo posto. Sono disorientati e chiedono soprattutto chiarezza. Daniela Cappelletti, residente a Castelgerundo, ha postato un appello in cui chiede che siano consegnate mascherine e di avere un numero verde dove gli abitanti della zona possano avere informazioni, anche per cose molto pratiche. Per esempio non è ancora chiaro se, all’interno della zona rossa, si possa passare da un comune all’altro perché pare che da certi comuni si possa uscire e da altri no. Le immagini che ci mandano sono di paesi deserti.

I rifornimenti di negozi e supermercati

Al supermercato di Casalpusterlengo oggi la situazione è tranquilla e un cartello rassicura sulla presenza di merce.

 

I rifornimenti di negozi e supermercati

 

Al supermercato di Casalpusterlengo oggi non c’è più stato l’assalto e un cartello rassicura sulla presenza di merce.

 

 

Un po’ più difficile ma non alla soglia di allarme il rifornimento dei piccoli negozi. Barbara Boioli dell’alimentari di Castelgerundo ci manda queste fotografie, il negozio è ben rifornito e hanno preso la precauzione di far entrare al massimo tre persone per volta. Ma sperano che si sveltisca la burocrazia. Hanno fatto richiesta in prefettura di avere permessi speciali per andare a ritirare alcuni beni di prima necessità –tipo la carne- che non vengono consegnati perché alcuni corrieri hanno paura ad avvicinarsi.

 

 

I rifornimenti di negozi e supermercati

 

Al supermercato di Casalpusterlengo oggi non c’è più stato l’assalto e un cartello rassicura sulla presenza di merce.

 

 

Un po’ più difficile ma non alla soglia di allarme il rifornimento dei piccoli negozi. Barbara Boioli dell’alimentari di Castelgerundo ci manda queste fotografie, il negozio è ben rifornito e hanno preso la precauzione di far entrare al massimo tre persone per volta. Ma sperano che si sveltisca la burocrazia. Hanno fatto richiesta in prefettura di avere permessi speciali per andare a ritirare alcuni beni di prima necessità –tipo la carne- che non vengono consegnati perché alcuni corrieri hanno paura ad avvicinarsi.

 

Un po’ più difficile ma non alla soglia di allarme il rifornimento dei piccoli negozi. Barbara Boioli dell’alimentari di Castelgerundo ci manda queste fotografie, il negozio è ben rifornito e hanno preso la precauzione di far entrare al massimo tre persone per volta. Ma sperano che si sveltisca la burocrazia. Hanno fatto richiesta in prefettura di avere permessi speciali per andare a ritirare alcuni beni di prima necessità –tipo la carne- che non vengono consegnati perché alcuni corrieri hanno paura ad avvicinarsi. Crediti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *