Categorie
News

Coronavirus, sindaci ai ripari per limitare la folla della movida. Coprifuoco a Brescia

A Brescia, in una delle città più colpite dall’epidemia di Coronavirus, il sindaco Emilio Del Bono ha disposto la chiusura dei locali di piazzale Arnaldo, cuore della vita notturna, alle 21.30 per questo fine settimana. Ma anche in diverse altre città d’Italia, da Nord a Sud, la voglia di movida, dopo il lockdown per l’emergenza Covid-19, è sotto la lente di amministratori e forze dell’ordine. Nel primo weekend di locali aperti e di libertà di movimento, sono numerose le piazze che si sono riempite di avventori ai tavoli di locali per bere un drink e trascorrere qualche ora con gli amici. Non tutti però hanno rispettato le misure anti-contagio e sui dispositivi di protezione. Sono così arrivate multe e, in alcuni casi, provvedimenti da parte dei sindaci. Sceglie invece la strada del dialogo la ministra dell’Interno Luciana Lamorgese: “Dopo tanto tempo in casa, i giovani hanno perso quelli che sono i limiti che finora si erano dati”, ammette. Ma si augura che torni “il senso di responsabilità” perché “dobbiamo stare attenti più che mai”  (CORONAVIRUS, GLI AGGIORNAMENTI IN DIRETTA – LO SPECIALE – GRAFICHE).

Crediti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *