Categorie
Coronavirus (COVID-19) MONDO OMS Ricerca scientifica Sanità USA

Coronavirus, la resa dell’americana Eli Lilly sulla cura con gli anticorpi: «La nostra terapia non funziona sui malati gravi». Appello dall’Oms ai governi: «Non cediamo alla stanchezza pandemica»

Dopo uno stop due settimane fa per dubbi sulla sicurezza della cura basata sugli anticorpi, la Eli Lilly ha riconosciuto che la propria terapia non si è rivelata efficace sui malati di Covid-19 in stato avanzato. L’Oms risponde al capo staff della Casa Bianca, che aveva ammesso come gli Stati Uniti non stessero più cercando di contrastare la pandemia
L’articolo Coronavirus, la resa dell’americana Eli Lilly sulla cura con gli anticorpi: «La nostra terapia non funziona sui malati gravi». Appello dall’Oms ai governi: «Non cediamo alla stanchezza pandemica» proviene da Open. …


Usa

ANSA/MASSIMO BREGA | Le sede italiana della Eli Lilly a Sesto Fiorentino

Dalla società farmaceutica americana Eli Lilly arriva la resa sul suo trattamento basato sugli anticorpi contro il Coronavirus. Con una nota diffusa lunedì 26 ottobre, la società ha dichiarato che la cura si è rivelata inefficace sui pazienti ricoverati per Covid-19 in stato avanzato. La sperimentazione proseguirà puntando su terapie riservate a soggetti con bassa carica virale, con la convinzione della società che il trattamento potrebbe funzionare nel caso venisse somministrato all’inizio del manifestarsi della malattia.

La sperimentazione sulla terapia di Eli Lilly era svolta in ospedale dal National Institute of Allergy and Infectious Disease, l’istituto guidato da Anthony Fauci, ed aveva subito già una sospensione due settimane fa, dopo che un comitato di sicurezza esterno aveva segnalato un «potenziale problema di sicurezza».

Oms

ANSA | Il direttore generale dell’Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus

Sbagliato e pericoloso in questo momento arrendersi al contrasto della pandemia, come ha sostanzialmente ammesso il capo staff della Casa Bianca, Mark Meadows due giorni fa alla Cnn. A dirlo è il direttore generale dell’Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus. come riporta il Guardian, che ha invitato i governi a non cedere alla «stanchezza pandemica». Dopo che nel mondo sono morte almeno 1,1 milioni di persone, il capo dell’Oms riconosce che: «la stanchezza è reale, ma non possiamo arrenderci».

L’impegno, ha aggiunto, deve essere quello di: «bilanciare l’interruzione delle vite e dei mezzi di sussistenza». L’impegno alla «mitigazione della pandemia» spiegato da Meadows secondo il capo dell’Oms non impedisce quindi di evitare che il virus si diffonda ancora, proteggendo i più deboli.

Leggi anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *