Categorie
Coronavirus (COVID-19) MONDO Sanità

Coronavirus, tutte le notizie della notte: +48mila casi in America Latina. In Brasile 34mila morti, superata l’Italia

L’America Latina è il nuovo epicentro del Coronavirus, come sostenuto dall’Oms e da alcuni dati pubblicati sul New York Times
L’articolo Coronavirus, tutte le notizie della notte: +48mila casi in America Latina. In Brasile 34mila morti, superata l’Italia proviene da Open. …

Sono 6.635.004 le persone contagiate da Coronavirus nel mondo, 391.179 i morti. Gli Stati Uniti sono il Paese più colpito con 1.872.660 casi, seguono Brasile (614.941) e Russia (440.538). Il Brasile è il terzo Paese più colpito per numero di morti: ha superato l’Italia, registrando 34.021 vittime. Preceduto da Regno Unito (39.987) e Usa (108.211).

America Latina

Ansa | Manifestazione in Brasile a sostegno di Bolsonaro

In America Latina sono stati registrati +48.829 casi in 24 ore, il totale sale a 1.153.938. I morti sono 59.344, +2.918. È quanto emerge da una rielaborazione dei dati dell’agenzia di stampa Ansa. Il Brasile rimane il più colpito, seguono Perù (183.198 casi e 5.031 morti) e Cile (118.292 e 1.356). In Argentina la quarantena continuerà fino al 28 giugno nelle zone più colpite come Buenos Aires e provincia. Il resto del Paese invece inizierà la cosiddetta Fase 2.

Brasile

Sono più di 34mila i morti per Coronavirus in Brasile che ha superato così l’Italia: ora è terzo per numero di vittime. Sono 1.473 i morti registrati nelle ultime 24 ore, i nuovi casi sono 30.925, sale a 614.941 il numero totale dei casi.

Usa

Ansa | Manifestazione a New York per la morte di George Floyd

In Minnesota il governatore ha chiesto a tutti i manifestanti di fare il test per il Coronavirus. Anche a New York, Andrew Cuomo, avrebbe invitato i dimostranti a sottoporsi al test. Dopo la mobilitazione, giunta al suo decimo giorno, sta aumentando la paura per i nuovo balzo di contagi. Gli Stati Uniti sono infatti il Paese più colpito dalla pandemia, sia per numero di casi che di morti.

Leggi anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *