Categorie
Brasile Cile Coronavirus (COVID-19) MONDO Perù Sanità USA

Coronavirus, tutte le notizie della notte – Due milioni di casi in America Latina: metà in Brasile. Tornano a salire i contagi negli Stati Uniti

In America Latina i contagi superano i due milioni. Negli Stati Uniti decimo giorno sotto i mille morti, ma tornano a crescere i casi in almeno 20 Stati
L’articolo Coronavirus, tutte le notizie della notte – Due milioni di casi in America Latina: metà in Brasile. Tornano a salire i contagi negli Stati Uniti proviene da Open. …

Salgono a 8,7 milioni i contagi di Coronavirus nel mondo, mentre i decessi sono ora 464.465, secondo l’ultimo aggiornamento della John Hopkins University. In testa alla classifica mondiale ci sono sempre gli Stati Uniti con 2,2 milioni di casi e quasi 120 mila morti, seguiti dal Brasile con oltre un milione di contagi e quasi 50 mila vittime.

America Latina

Miguel SCHINCARIOL / AFP | Una famiglia colombiana aspetta la partenza di un volo umanitario per tornare a casa all’aeroporto di Guarulhos, vicino San Paolo in Brasile

Superano i due milioni i contagi registrati in tutta l’America Latina, la metà solo in Brasile con 1.032.913 casi e 49.976 morti. Seguono il Perù con 251 mila casi e il Cile con 236 mila. Il Messico ha dovuto registrare un drastico incremento delle infezioni, dopo che le autorità sanitarie locali hanno annunciato 5 mila nuovi casi risultati positivi.

Usa

EPA/PETER FOLEY | Impiegati Apple si sottopongono al rilevamento della temperatura prima di entrare al lavoro in uno store a Broadway, New York

Per il decimo giorno consecutivo, negli Stati Uniti sono stati registrati meno di mille decessi in un giorno, con 568 morti che fanno salire il bilancio dall’inizio della pandemia a 119.654. I contagi nel Paese sono 2.251.205, oltre 30 mila in un giorno, con 20 Stati che hanno visto aumentare rapidamente il numero di casi, mentre l’epicentro si va spostando sempre di più da New York verso il Sud e l’Ovest.

E crescono i timori di una seconda ondata dopo le diffuse riaperture nei vari Stati e le diverse proteste scoppiate dopo la morte di George Floyd. Anche il comizio di Trump a Tulsa è stato accusato di contribuire alla diffusione del virus. Per quanto meno partecipato del previsto, all’evento si sono viste poche mascherine, con migliaia di persone assiepate sugli spalti del Bok Center.

Leggi anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *